Left services

Filtra per

testimonial

In saldo

In saldo
Tutti i prodotti in vendita
Integratori per le ossa, articolazioni, artrite, artrosi e osteoporosi

Artrite, Artrosi & Osteoporosi

Scopri i prodotti di Micoterapia, Fitoterapia, Integratori ed Oli Essenziali utili nel trattamento di Artriti, Artrosi, Osteoporosi e problemi osteoarticolari

Artrite, Artrosi & Osteoporosi

Subcategories

Ci sono 7 prodotti.

Visualizzati 1-7 su 7 articoli

Filtri attivi

Il Sistema Scheletrico conferisce al corpo la sua struttura di base, fornendo struttura, protezione e movimento. Le 206 ossa del corpo producono anche le cellule del sangue, immagazzinano minerali importanti e rilasciano ormoni necessari per le funzioni corporee. A differenza di altri organi viventi, le ossa sono solide e forti, ma hanno il loro sangue, vasi linfatici e nervi.
Ci sono due diversi tipi di tessuto all'interno di tutte le ossa:


Osso compatto: questo tessuto duro e denso costituisce lo strato più esterno della maggior parte delle ossa e l'asta principale delle ossa lunghe, come quelle delle braccia e delle gambe. Nervi e vasi sanguigni vivono all'interno di questo tessuto. Osso spugnoso: questo tessuto è costituito da piastre più piccole riempite con midollo osseo rosso. Si trova all'estremità delle ossa lunghe, come la testa del femore e al centro di altre ossa.


Il midollo osseo rosso forma la maggior parte delle cellule del sangue nel corpo e aiuta a distruggere i globuli vecchi. Un altro tipo di midollo, il midollo osseo giallo, risiede nelle cavità centrali delle ossa lunghe. È composto principalmente da grassi. Tuttavia, se il corpo soffre per carenza di grandi quantità di sangue, può convertire il midollo giallo in rosso per produrre più globuli rossi.


Il cranio è formato da 22 ossa separate che si uniscono per formare la scatola cranica: l'alloggiamento per il cervello. Ventuno di quelle ossa sono fuse insieme da punti di sutura o giunture fibrose quasi rigide. L'osso più basso del cranio è la mandibola.


La colonna vertebrale, è una serie di ossa di forma irregolare nella parte posteriore che si collega al cranio. Alla nascita, gli umani hanno 33 o 34 ossa di questo tipo. 


La gabbia toracica è composta da 12 paia di ossa che racchiudono gli organi vitali nel torace. Le ossa si curvano dalla parte posteriore della colonna vertebrale verso la parte anteriore del corpo. Le sette paia superiori si incontrano con lo sterno, le restanti cinque coppie sono collegate l'una all'altra tramite cartilagine o non si connettono.


I muscoli delle spalle e delle braccia comprendono la clavicola (clavicola), la scapola (scapola), l'omero, il raggio, l'ulna e le ossa del polso e della mano.


Le ossa del bacino sono create dalla fusione di tre ossa - ilium, ischio e pube - che si fondono quando invecchiamo. Questi formano la maggior parte della pelvi alla base della spina dorsale così come l'incavo dell'articolazione dell'anca. Il sacro - cinque ossa fuse nella parte inferiore della spina dorsale - e il coccige, costituisce il resto delle ossa nella regione pelvica.


La testa del femore che è l'osso più grande e più lungo del corpo, crea l'altra metà dell'articolazione dell'anca e si estende fino a formare una parte del ginocchio. Le altre ossa della gamba comprendono la tibia, la fibula, le ossa della caviglia e del piede.


Il trauma più comune che colpisce le ossa è la frattura, che si verifica quando un osso subisce un impatto così grande da rompersi.


Altre condizioni comuni che influenzano il Sistema Scheletrico includono:
Osteoporosi: questa è una malattia in cui le ossa diventano fragili e soggette a fratture.
Leucemia: questo è un tumore dei globuli bianchi.


Osteopenia, osteite deformante e osteomalacia: simili all'osteoporosi, questi sono altri tipi di perdita ossea.
Scoliosi, cifosi e lordosi: queste sono anomalie della curva spinale.


Siccome l'Osteoporosi è una vera piaga che colpisce sia uomini che donne anche in giovane età, vorrei soffermarmi sull'argomento e sulle scoperte del Dottor R. Keith McCormick.


Mentre McCormick si allenava correndo in pista, divenne improvvisamente zoppo per un forte dolore dell'anca. Fu sottoposto a molte risonanze magnetiche e radiografie e gli fu diagnosticata una grave osteoporosi alla veneranda età di 45 anni.


Il tecnico radiologo che valutò i suoi esami gli disse che aveva una densità ossea peggiore di quella di una donna di 100 anni.


"La mia prima reazione fu di imbarazzo. Come era potuto accadere? Avevo mangiato bene per tutta la vita, o almeno pensavo di averlo fatto, avevo sempre bevuto un sacco di latte, non avevo mai fumato, bevuto alcol, o usato alcun tipo di droga, l'osteoporosi, una malattia associata alla fragilità, era l'antitesi di chi pensavo di essere. "


Questo e quello che scrive McCormick nel suo libro "The Whole-Body Approach to Osteoporosis", Chi scrive è stato corridore di cross country alla Stanford University, ex membro della squadra olimpica degli Stati Uniti e oggi è un accreditato medico sportivo e chiropratico certificato.


La diagnosi che ricevette lo portò a studiare l'osteoporosi con dedizione e passione e ciò che ha scoperto ha molto da insegnarci non solo sull'osteoporosi, ma anche sull'invecchiamento, la longevità e l'interconnessione di tutto ciò che c'è nel corpo.


"L'osteoporosi non è solo l'indebolimento delle ossa ma si tratta di un indebolimento dell'intera fisiologia del corpo: quando hai una malattia cronica, devi trattare tutto il tuo corpo".
La verità sulla Salute delle Ossa Tutto il calcio del mondo non aiuterà le tue ossa se hai un'infiammazione cronica o una causa nascosta dell'osteoporosi.


Nella costruzione delle ossa intervengono veramente moltissimi processi e moltissimi 'attori', due in particolare sono fondamentali: gli osteoblasti.


Gli osteoblasti sono le cellule che formano la matrice ossea, una struttura a nido d'ape sulla quale vengono depositati ( o assorbiti ) minerali come il calcio, che danno origine a ossa "mineralizzate" belle, dure e sode.
Mentre questo processo avviene, gli osteoclasti rimuovono i minerali in un processo chiamato riassorbimento.


Il delicato equilibrio tra mineralizzazione e demineralizzazione è chiamato rimodellamento.
Assomiglia molto a quello che accade quando rifai il bagno: alcuni muratori rimuovono i detriti mentre altri portano il materiale nuovo e lo cementano sul pavimento e sui muri.
I due tipi di cellule, osteoblasti e osteoclasti comunicano attraverso una molecola chiamata RANKL. Questa molecola gli consente di coordinarsi.


Si tratta di un sistema perfetto fino a quando l'infiammazione non entra in gioco.
Infiammazione e Ossa Quando hai un'infiammazione cronica, il tuo sistema immunitario fa gli straordinari. Una delle prime cose che il sistema immunitario fa quando viene attivato è la liberazione delle cellule T, quelle sentinelle del sistema immunitario che vengono liberate ogni volta che il corpo percepisce una lesione (come l'infiammazione).


Cosa fanno queste in caso di infiammazione? Producono RANKL. Questo dice agli osteoclasti di continuare a rimuovere minerali, indebolendo in modo significativo le tue ossa.


Quando il sistema immunitario è costantemente attivato, puoi prendere tutto il calcio del mondo ma inutilmente, però riducendo l'infiammazione non abbiamo bisogno di assumere molto calcio .
Altri elementi che disgregano il Sistema Schelettrico sono il cortisolo, ( ormone prodotto in fase di stress ) e i radicali liberi ( che sovra stimolano le cellule che abbattono l'osso ).
Si raccomanda anche un esame del sangue per la vitamina D, che aiuta a garantire che il corpo assorba il calcio. Senza un'adeguata razione di vitamina D, puoi prendere tutto il calcio del mondo ma sarà inutile ( anzi sarà dannoso... ). La ricerca mostra che oltre il 70% delle donne di età compresa tra i 50 ei 70 anni e circa il 90% delle donne di età superiore a 70 anni non ricevono abbastanza vitamina D da cibo e integratori. Bassi livelli di vitamina D sono associati a ridotto assorbimento di calcio, perdita ossea e aumento del rischio di fratture ( il fungo medicinale Shiitake è una fonte naturale molto ricca di Vitamina D).


Le raccomandazioni dietetiche di McCormick contengono espressamente alcuni punti critici come "agevole i latticini", "ridurre i cereali", "limitare i carboidrati raffinati" e "mangiare proteine". E, naturalmente, "mangia da cinque a nove porzioni di frutta e verdura ogni giorno".


Comunque fra tutti i cibi che hanno dimostrato di contribuire ad aumentare la densità ossea e costruire ossa forti i migliori sono : le sarde, i broccoli, le mandorle, le prugne, le arance e le cipolle.


Quando si tratta di salute delle ossa, è particolarmente importante evitare quelli che chiamiamo i ladri di calcio. "Se vuoi delle ossa buone, devi limitare l'assunzione di alcol, smettere di fumare, salare poco il cibo, mollare gli zuccheri semplici ed evitare la soda", dice McCormick.


La soda in particolare e altre bevande molto reclamizzate e famose sopratutto per i giovani, sono cariche di acido fosforico: un noto ladro di calcio.


Ci sono integratori che si possono assumere per avere un valido aiuto nel mantenere sane le proprie ossa?
Assolutamente si!


Oxygena ad esempio per le articolazioni è meraviglioso perché previene l’artrite e tonifica i tessuti muscolari, il suo componente più importante in questo caso è il Lithothamnium Calcareum che è un'alga rossa tipica dei mari della Gran Bretagna e dell’Irlanda. E' estremamente ricca di Calcio Organico, Magnesio e Silicio in forma organica altamente biodisponibile.
A differenza del carbonato di calcio e di altre forme inorganiche di calcio, le fonti alimentari integrali di calcio forniscono una serie complessa di nutrienti e cofattori che migliorano l'utilizzo del calcio da parte del corpo, producendo effetti più favorevoli sulla salute delle ossa. Il magnesio, ad esempio, funziona a fianco del calcio per promuovere la formazione e la forza dell'osso.


Oxygena è efficace nella prevenzione dell'osteoporosi e dei problemi osteoarticolari degenerativi quali l'artrite e l'artrosi e aiuta a contrastare la decalcificazione ossea di cui abbiamo parlato prima, per le sue proprietà può essere utile in caso di fratture.
Le persone che consumano Lithothamnium Calcareum quotidianamente provano sollievo dal dolore alle articolazioni e un aumento della loro libertà di movimento. Molti studi sono attualmente in corso per comprendere gli effetti di questa alga unica e preziosissima.


Artiglio del diavolo. Questa pianta deve il suo nome agli uncini che spuntano dai frutti, ha il nome botanico phagophytum procumbens ed è una pianta originaria dell’Africa del Sud dove è utilizzata nella medicina africana tradizionale dai Boscimani, dagli Ottentotti e dai Bantu per curare le ferite e lenire i dolori articolari.
Agli inizi del Novecento raggiunge l'Europa e qui ne viene confermata l’azione antidolorifica e antinfiammatoria.
Queste proprietà le deve ai suoi fitosteroli che sono capaci di comportarsi come il cortisone ma senza avere gli stessi effetti collaterali e all’arpagosite: un monoterpene che ha dimostrato di contrastare la formazione di alcuni precursori dell’infiammazione e del gonfiore.


La Boswellia: tra i suoi benefici più conosciuti c'è il contrastare l'infiammazione, la capacità di ridurre il dolore, migliorare la mobilità dall'Osteoartrosi e trattare l'Artrite Reumatoide.
La sua resina è composta da acidi boswellici che agiscono inibendo gli enzimi lipossigenasi, in questo modo viene bloccata la sintesi dei leucotrieni, un meccanismo totalmente diverso rispetto ai farmaci antinfiammatori chimici per l'infiammazione. Le persone che come me preferiscono curarsi con integratori naturali e fitoterapia, conoscono bene i suoi grandi benefici sullo stato di benessere dell'organismo, dati per lo più dal suo componente chiave, ovvero un estratto della sua resina.


Anche il Reishi è molto utile perché anch'esso si comporta come un cortisone naturale senza nessuno dei suoi effetti collaterali e il Cordyceps che è un antinfiammatorio specifico per l’articolazione ( membrana sinoviale, cartilagine e ossa ) che, agendo sul sistema immunitario, elimina la componente infiammatoria e allergica.
Seguendo questi consigli, in assenza di problematiche particolari genetiche o traumatiche, il tuo Sistema Scheletrico resterà in salute per molto tempo.

Ricordatevi SEMPRE di rivolgervi a medicini professionisti per avere consulti più specifici ed appropriati.